giovedì 7 marzo 2013

Sabato in piazza a Belluno per dire NO agli OGM

C'è un appuntamento imperdibili per coloro che hanno a cuore la loro Terra, la salubrità, la biodiversità, la sostenibilità in questo territorio. Un occasione per sottoscrivere con una presenza e una firma la propria opposizione alle coltivazioni OGM in Italia, in Veneto..in Provincia di Belluno




L'appuntamento è fissato per sabato mattina (dalle 10 alle 12) in piazza Piloni a Belluno, all'ingresso del Centro Piero Rossi Un iniziativa organizzata e condivisa da una serie di associazioni, realtà, gruppi locali e non (le adesioni sono ancora aperte)



L'iniziativa nasce dalla sempre maggiore preoccupazione che anche qui, ai piedi delle Dolomiti trovino spazio le famigerate sementi Franckenstine.

Infatti lo scorso settembre una sentenza della Corte Europea e una fortissima pressione delle multinazionali sementiere sugli organi comunitari, ha di fatto dato “via libera” alla coltivazione di alcune varietà di Organismi Geneticamente Modificati anche in quelle Nazioni in cui erano banditi. Quasi tutti i Paesi europei hanno adottato la “clausola di salvaguardiache blocca, a livello nazionale, questa “liberalizzazione” e di fatto hanno vietato ogni coltivazione OGM. Purtroppo in Italia tutto ciò non è stato fatto(nonostante tutte le Regioni abbiano chiesto il blocco degli OGM), ma, cosa assai grave di questa questione non si parla affatto



NON POSSIAMO RESTARE INERTI DINNANZI A QUESTO PERICOLO.. E' INDISPENSABILE AGIRE !!! Chiediamo con forza che anche l Italia blocchi le coltivazioni OGM



Sabato saremo in piazza con volantini, materiale informativo e una petizione che è già stata sottoscritta da centinaia di cittadini. Inviteremo tutti a firmare, a far firmare e diffondi la petizione che chiede l'immediata adozione della clausola di salvaguardia, il bando degli OGM

Non mancherà una mostra di mais antichi locali e tradizionali che evidenzierà il nostro enorme patrimonio di biodiversità locale e coltivata



Ma perchè diciamo NO agli OGM?

In primis perchè le coltivazioni OGM CONTAMINANO e quindi causano la PERDITA della BIODIVERSITA' coltivata (in questo caso delle varietà tipiche di mais.. sponcio, marano, fiorentin, cinquantino, bianco perla..)


Inoltre le sementi OGM NON consentono la RIPRODUIONE del SEME (anche perchè soggetto a brevetto) Si perde ogni forma di autonomia del contadini e si crea una sorta di dipendenza (schiavitù) dalla multinazionale produttrice (in questo caso la Monsanto)


Non vi è inoltre NESSUNA SICUREZZA rispetto ai RISCHI per la salute di esseri umani e animali, alla CONTAMINAZIONE (permanente) del suolo e dell'ambiente. E NESSUNA certezza di resistenza a siccità e avversità climatiche

Registriamo inoltre una forte CONTRARIETA' alla coltivazione degli OGM da parte di tutte le Regioni soprattutto per motivi economiche (in primis per una perdita d'immagine)


..e infine..smettiamola di evocare la “fame nel mondo” i dati della FAO parlano chiaro “si produce cibo per oltre 8miliardi di persone mentre siamo in 6 miliardi” quindi non è un problema di produzione ma di distribuzione..



Noi che crediamo e lavoriamo per un agricoltura, una ruralità bastata sulle tipicità del nostro territorio, su tecniche di coltivazione sane, biologiche e sostenibili siamo certo che il futuro soprattutto di questa nostra Terra sia “green” e non certo contaminato dalle sementi OGM.



   Chiediamo pertanto una presa di posizione, una dichiarazione, una mobilitazione, un azione informativa sulla questione OGM anche alle associazioni di categoria e associazioni ambientaliste, agli enti locali, al Parco delle Dolomiti bellunesi, ai nostri rappresentanti politici e a tutti coloro che hanno a cuore la loro Terra... 
    Invitiamo tutti alla mobilitazione per squarciare questo assordante silenzio che avvolge la questione, consapevoli che la stragrande maggioranza dei cittadini e dei coltivatori sono contrari agli Ogm e che vi sono interessi enormi affinchè non si sappia e si contamini anche questo territorio

      VI ASPETTIAMO SABATO IN PIAZZA PILONI A BELLUNO (dalle ore 10 alle 12)

   "siamo passati dai campi di sterminio allo sterminio dei campi" (A. Zanzotto) 



Casa dei Beni Comuni, Comitato Acqua Bene Comune, 
la Skasera, Gruppo Coltivare Condividendo
Associazione Dolomiti bio, GasDotto,
  Associazione Arianova,  WWF,  Woof-italia, la Ragnatela, AIAB, Radio Gamma 5.. 
      SEGNALIAMO ANCHE LA POSSIBILITA' DI SOTTOSCRIVERE UNA PETIZIONE ON LINE PER DIRE NO AGLI OGM E CHIEDERE L'ADOZIONE DELLA "CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA"
     PER ANDARE ALLA PAGINA E SOTTOSCRIVERE CLICCARE QUI

   

Nessun commento:

Posta un commento