martedì 18 settembre 2012

LA BIODIVERSITA' BELLUNESE SBARCA A VENEZIA


LA BIODIVERSITA' BELLUNESE SBARCA A VENEZIA

Dal 19 al 23 settembre si svolgerà a Venezia la 3° conferenza Mondiale della decrescita, sostenibilità ecologica ed equità sociale.
In questa importante manifestazione avrà un ruolo, una vetrina di primo piano, la biodiversità bellunese.
Infatti sabato 22, la protagonista della giornata dedicata a “sementi e biodiversità”, sarà la “mostra delle sementi antiche bellunesi” costruita e curata dal Gruppo Coltivare Condividendo.
Il tutto si svolgerà alle Fondamenta alle Zattere (Dorsoduro – venezia) e sarà una ottima occasione per far conoscere l'enorme patrimonio di biodiversità che rende davvero unica questa nostra terra. Tanto più che la giornata internazionale vedrà la presenza anche di un altra bella realtà bellunese, l'associazione “spazzi in frutto” che si dedica al recupero delle varietà antiche di piante da frutto

Per noi è sempre un piacere poter mostrare e far conoscere le 35 varietà di fagioli bellunesi, le 12 di mais, ma anche le insalate, i cereali, i cavoli recuperati girovagando per la provincia..un modo per dire un grazie enorme a tutti quei contadini ed appassionati che negli anni hanno salvato queste varietà antiche,(non cedendo alle lusinghe degli ibridi commerciali) Il tutto in nome di una passione profonda e di un attaccamento alla terra e non certo per inseguire contributi e finanziamenti vari (come purtroppo accade spesso)
Ma a Venezia non porteremo solo le sementi, le storie, le informazioni, gli aneddoti ad esse legate ma anche materiale relativo all' “agricoltura che desideriamo” per questa nostra terra Un agricoltura (che è anche auto produzione )fatta di tecniche di coltivazione biologiche (o che ripudiano la chimica di sintesi), di sostenibilità, di relazioni e legata a doppio filo con turismo sostenibile e tutela di paesaggio, salubrità e ambiente

Rilanceremo il progetto, presentato sabato scorso a Mestre durante la conferenza nazionale dei GAS e dei Distretti di Economia Solidale, per far conoscere (e mettere in rete) tutte quelle realtà sostenibili bellunesi che lavorano seriamente, con massima trasparenza e che spesso subiscono la concorrenza sleale di chi sguazza nell'ambiguità del “nostrano” del “quasi biologico” e che in realtà ha disciplinari e metodologie intrise di pesticidi Ci accorgiamo, sempre più spesso che c'è molta attenzione verso la nostra terra, non ancora devastata dalla monoculture intensive, e un crescente interesse per le sue produzioni (soprattutto se sane e biologiche) Un enorme potenzialità soprattutto per le nostre aziende, vitale che alla base di tutto ci sia pero' massima chiarezza e trasparenza

La giornata veneziana ci offrirà anche un altra grande opportunità, quella di raccontare la nostra esperienza durante un importante convegno (“conservazione partecipata delle sementi”) che avrà come relatore principale Salvatore Ceccarelli (noto genetista e ricercatore a livello mondiale). E' nostra intenzione coinvolgerlo e chiedere la sua collaborazione per continuare e approfondire il nostro progetto di “selezione partecipata delle sementi antiche bellunesi” Affinchè vi sia sempre più una “conoscenza diffusa”, partecipata e non prevalga l'idea che solo pochi detengano le conoscenze e diano poi le direttive da seguire, le imposizioni, agli altri.
Crediamo sia vitale che si recuperino conoscenze e buone pratiche antiche fondendole con saperi e pratiche nuove..che tutto ciò abbia la massima diffusione
E' anche per questo motivo che non ci stancheremo mai di divulgare conoscenze, saperi e di organizzare momenti di dialogo, confronto e condivisione

seminiamo fagioli e insalata.. raccogliamo relazioni, condivisione.. partecipazione! 

 

Nessun commento:

Posta un commento