venerdì 3 agosto 2012

LEGGE EUROPEA SULLE SEMENTI ANTICHE.. NOI DISUBBEDIAMO !!!

LEGGE EUROPEA SULLE SEMENTI ANTICHE...
.. NOI DISUBBEDIAMO !!!

ABBIAMO LETTO IN QUESTI GIORNI ALCUNI ARTICOLI CHE CI INFORMANO DELLA RECENTE SEMENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA SULLA QUESTIONE "SEMENTI TRADIZIONALI" (ANTICHE)

SIAMO CONSAPEVILO CHE TALE SENTENZA RIGUARDA LA COMMERCIALIZZAZIONE DI TALI SEMENTI E QUINDI CI TOCCA MARGINALMENTE DATO CHE NOI LE SEMENTI LE SCAMBIAMO E LE RAGALIAMO.. NON FACCIAMO ALCUNA FORMA DI COMMERCIO.. MA LA SENSAZIONE CHE TALE SENTENZA CI DA E' QUELLA DI OSTACOLARE, LIMITARE E CERCARE DI METTERE AL BANDO LE SEMENTI ANTICHE PER SPALANCARE LE PORTE AI FAMIGERATI OGM O COMUNQUE A UN CONTROLLO SULLE SEMENTI DELLE POCHE MULTINAZIONALI

OVVIAMENTE CI RIBELLIAMO A TUTTO CIO' !!!!!!!!!!!!!!!

LANCIAMO UN APPELLO ALLA MOBILITAZIONE E CON OGNI PROBABILITA' NE PARLEREMO A UN INCONTRO RPEVISTO PER SABATO11 AGOSTO ALLA SKASERA (tra Tomo e Porcen) .. A BREVE INFORMAZIONI PIÙ DETTAGLIATE

SI SEGUITO UN BEL ARTICOLO AL RIGUARDO DI RESET (rete di salvaguardia del territorio) per vedere il loro sito cliccare qui

Addio sapori antichi: L’UE mette al bando le sementi tradizionali

In una sentenza del 12 Luglio, la Corte di Giustizia dell’ Unione Europea, ha confermato il divieto di commercializzare sementi di varietà tradizionali che non siano state iscritte nel catalogo ufficiale europeo. E’ la sconfitta delle associazioni volontarie impegnate nella salvaguardia della varietà delle piante antiche, l’unica alternativa che avevamo a sementi inustriali ed OGM.

Le sementi tradizionali sono il risultato di millenni di selezione derivati dall’esperienza agricola umana, un tesoro che si è conservato nei secoli protetto dagli agricoltori; queste sementi riassumono in sé la memoria storica e biologica dell’agricoltura e racchiudono un patrimonio genetico molto vasto che determina la biodiversità dei prodotti agricoli. Dal 1998 però è in vigore una direttiva comunitaria europea che riserva la commercializzazione e lo scambio di sementi alle ditte sementiere vietandolo agli agricoltori, in questo modo ciò che i contadini hanno fatto per millenni è diventato improvvisamente un reato. L’intero mercato mondiale delle sementi è oggi quasi totalmente gestito da sette aziende multinazionali che detengono i brevetti e che si occupano contemporaneamente (e paradossalmente) della produzione di sementi, veleni per l’agricoltura e OGM. Come si è arrivato a questo? Considerando che l’iter per registrare un nuovo semente richiede circa 12-15 anni di lavoro e costare fino a 1 milione di euro, è semplice capire che parliamo di capitali di cui può disporre solo una grande azienda e non un piccolo agricoltore. Negli ultimi anni un progetto di recupero delle tradizioni culturali rurali, diverse associazioni di Seed Salvers (salvatore di semi) si erano impegnate nella salvaguardia della varietà delle piante antiche, salvandole dall’estinzione e coltivandole in orti su piccola scala. Il pregio di queste varietà di semi deriva dall’elevato valore nutritivo dei prodotti che producono e dal loro facile adattamento all’agricoltura eco-compatibile.

La sentenza del 12 luglio della Corte di Giustizia europea, arriva in risposta ad una controversia tra due imprese francesi, l’associazione no-profit Kokopelli e un produttore di sementi Graines Baumaux sas. La Graines Baumaux sas aveva denunciato la Kokopelli accusandola di commercializzare sementi non iscritte nei cataloghi ufficiali; le sementi in questione sono di varietà arcaiche. Inizialmente la Corte di Giustizia aveva sentenziato che: “L’assenza di una semente dal catalogo non è indice del fatto che non sia “buona”, perché le norme che ne regolano l’iscrizione non riguardano alla futura la salubrità delle piante, ma a logiche commerciali.” nel caso specifico la commercializzazione di varietà arcaiche rientrava nella deroga prevista dalla direttiva 2009/145/CE, assolvendo di fatto la Kokopelli. Ma il 12 Luglio, a seguito del ricorso della gigante Graines Baumaux sas la Corte ribalta il verdetto e sancisce :‘’l’obbligo d’ iscrizione ufficiale di una varietà vegetale per la sua commercializzazione, così come previsto dalle direttive sementiere, non viola i principi del libero esercizio di un’attività economica e della libera circolazione delle merci, e nemmeno interferisce con gli impegni presi per la tutela delle risorse fitogenetiche.’’ La”Graines Baumaux” ha chiesto ai giudici francesi di imporre a Kokopelli di pagare 100 mila euro per danni e inoltre – esplicitamente –”la cessazione di tutte le attività dell’associazione”, pericolosa per il business. La Corte europea ha motivato e giustificato il suo verdetto a favore della Graines Baumaux sostenendo che il divieto del commercio delle sementi antiche e tradizionali ha l’obbiettivo di ottenere ‘’una accresciuta produttività agricola’’ come se l’Europa fosse affollata di popolazioni malnutrite, bisognose di aumentare le loro rese alimentari.
Si dimostra soddisfatta l’Assosementi (associazione italiana dell’industria sementaria); di fatto però, non si può che prendere atto che con questa sentenza si mettono fuorilegge tutte le associazioni di volontari impegnati nel recupero delle varietà antiche e tradizionali – alcune anche Italiane – che commettono il ‘’crimine’’ di preservare e distribuire a chi le chiede sementi fuori del catalogo ufficiale.

A dire il vero, la Corte di Giustizia ha preso la sua decisione contrariamente al suo Avvocato Generale che, nella memoria depositata il 19 maggio precedente, rilevava che ‘’la registrazione obbligatoria di tutte le sementi nel catalogo ufficiale era una misura sproporzionata e violava i principi della libertà di esercizio dell’attività economica, della non-discriminazione e della libera circolazione delle merci’’. Violando praticamente uno dei tre dogmi del liberismo. La sconfitta Kokopelli, secondo questo principio si chiede: ‘’Perchè non esiste un registro ufficiale dei bulloni e delle viti? Forse perchè non c’è una Monsanto della minuteria metallica. Sottomettere le sementi ad una procedura del genere, che esiste ed è giustificata per i medicinali e i pesticidi, ha evidentemente il solo scopo di eliminare alla lunga le varietà di dominio pubblico, e quindi liberamente riproducibili, per lasciare in campo solo quelle brevettabili’’.




4 commenti:

  1. Queste multinazionali hanno completamente fuso il cervello

    RispondiElimina
  2. MOLTO BELLA QUESTA CONSIDERAZIONE DI ANDREA MANGONI

    la cosa più sconcertante è alla fine la motivazione che la Corte di Giustizia Europea da della fondamentale importanza dei registri e del commercio unicamente delle varietà in essi contenuti: impedire la vendita e la coltivazione di sementi potenzialmente nocive o che non consentano una produzione agricola ottimale, caratterizzata dal massimo profitto. Ci viene gentilmente detto, in pratica, che tutto ciò che sono e rappresentano le antiche varietà orticole può essere nocivo perché non sufficientemente produttivo. sarebbe stato più onesto aggiungere: produttivo per le lobby sementiere. Già, perché le vecchie varietà open pollinated, ad impollinazione libera, avevano questa caratteristica meravigliosa: davano al contadino la chance di riseminarle, anno dopo anno, senza dover acquistare più le sementi. E così, anno dopo anno, i contadini potevano selezionare piante eccezionali, piene di gusto, profumo, bellezza, storia, vita. Erano le piante della loro vita, e le trasmettevano ai loro figli ed eredi. erano le piante che hanno sfamato l'Europa, sì, persino i genitori ed i nonni di coloro che hanno firmato questo scempio. Oggi invece tramite i nuovi, produttivissimi ibridi, perfetti e uguali, il contadino viene espropriato di un suo fondamentale diritto: quello di conservare e tramandare i propri semi.

    RispondiElimina
  3. Perché la UE è pericolosa? Perché è facilissimo corrompere due persone ai vertici di un colosso come l'Europa. Costerebbe molta più fatica e più soldi corrompere persone in 100000 staterelli indipendenti.
    Per quello bisogna smantellare sia l'Europa che gli stati nazionali.

    RispondiElimina
  4. Questa Europa diventa ogni giorno più pericolosa.
    Prima finirà questo incubo, e meglio sarà per tutti.

    RispondiElimina