giovedì 22 marzo 2012

SELEZIONE PARTECIPATA DELLE SEMENTI ANTICHE BELLUNESI


SELEZIONE PARTECIPATA di SEMENTI ANTICHE BELLUNESI

Il progetto è sicuramente ambizioso, ma la sfida non ci spaventa.Anzi, gli stimoli e le motivazioni sono così forti da indurci a credere nella possibilità di costruire, anche in provincia di Belluno un progetto di “selezione partecipata di sementi antiche
Sono già alcuni anni che il Gruppo Coltivare Condividendo gira per piazze, fiere, feste, che organizza eventi e iniziative per fare conoscere e raccogliere informazioni, per costruire la “mostra itinerante delle sementi antiche”. Mostra che paese dopo paese è arrivata a censire e catalogare oltre trenta varietà di fagioli, una decina di mais e molte altre varietà di cereali, leguminose, orticole, tipiche della nostra Provincia. Una notevole serie di sementi che ci fanno capire che enorme patrimonio di biodiversità e tipicità ci sia in questa nostra valle e di quale potenziale ha tutto ciò.
Molte delle sementi che abbiamo fin qui raccolto, selezionato e moltiplicato le abbiamo donate per stimolare l'auto produzione e assecondare il desiderio di molti di coltivare l'orto e il campo di casa con varietà antiche senza dover ricorrere ad ibridi commerciali ghiotti di concimi e trattamenti chimici (riteniamo vitale che la biodiversità si abbini a biologico, filiera corta e turismo sostenibile)
In questo 2012 vorremmo pero' fare un “passo in più” e cioè riprodurre le sementi antiche in modo più scrupoloso, raccogliendo una serie di dati e informazioni utili per conoscere meglio le caratteristiche delle sementi antiche bellunesi
Per fare ciò abbiamo chiesto aiuto a una serie di tecnici, ricercatori, di associazioni (un ringraziamento va alla Rete Semi Rurali, a L. Conte della scuola esperenziale, al ricercatore Daniele Gazzi e molti altri). Assieme a loro abbiamo predisposto un iter da seguire e una scheda da compilare da parte di tutti coloro che vorranno prendersi cura una varietà antica, ne vorranno essere i custodi.
A loro doneremo alcune sementi e loro si impegneranno (oltre a coltivarle in modo biologico e a una distanza minima prestabilita da altre piante della stessa specie) segnare nella scheda le date di germogliazione, di fioritura, di comparsa dei frutti ecc.. Richieste anche alcune foto.

Un progetto che si completa con una serie di dati e di analisi relative non solo alla varie fasi di sviluppo della pianta ma anche alle sementi ottenute. Ovviamente noi (anche grazie alla collaborazione con l' associazione Dolomiti bio) daremo tutte le informazioni, l'assistenza e le consulenze tecniche necessarie
Tutti i dati, le notizie e le foto raccolte verranno messe a disposizione di chiunque li richiedesse

Questo progetto di “selezione partecipata di sementi antiche”, che verrà monitorato da realtà ed esperti di caratura nazionale (molto interessati alle tante e pregiate varietà di fagioli bellunesi) verrà presentato e prenderà avvio in occasione dell'iniziativa primaverile del Gruppo Coltivare Condividendo “chi semina raccoglie” che si terrà a Fonzaso (BL) domenica 1aprile
Già una cinquantina le persone che hanno dato la loro disponibilità a partecipare al progetto ma speriamo che se ne aggiungano molte altre

Crediamo molto, non solo in questo patrimonio di biodiversità che può rappresentare il futuro non solo dell'agricoltura, ma dell'intera provincia.. ma anche in ogni progetto teso a coinvolgere le persone, informare, a creare relazioni e reti. Un costruire condiviso che è alla base del nostro agire e di molte delle realtà con le quali collaboriamo dai Gruppi di Acquisto Solidale, ai ragazzi della Skasera (un nutrito gruppo di 16-20enni che cura un orto comune condividendo i frutti dello stesso) da altri custodi di sementi a tanti gruppi o singolarità che hanno a cuore sostenibilità, salubrità, paesaggio, territorio, ambiente e partecipazione.
Vi aspettiamo a Fonzaso il 1 aprile (già programmate due interessanti escursioni con riconoscimento erbe spontaneee oltre a banchetti, mostre, assaggi, convivialità e molto altro)

PER CONCLUDERE UN CONSIGLIO...

QUELLO DI LEGGERE QUESTO BEL ARTICOLO SULLE MELE

Mele avvelenate, l'insostenibile monopolio dell'agricoltura industriale

Nessun commento:

Posta un commento