domenica 6 novembre 2011

SKASERA E KAMUT

TRA LE DIVERSE REALTA' CHE PARTECIPERANNO E COSTRUIRANNO LA GIORNATA "CHIAMATA A RACCOLTO" CHE SI TERRA' SABATO 26NOVEMBRE PRESSO LA SCUOLA AGRARIA DI VELLAI DI FELTRE..
CI SONO ANCHE I RAGAZZA DELLA SKASERA.. CHE CI PARLERANNO DEL LORO "ORTO COMUNE"

ECCO ALCUNE LORO FOTO E IL VOLANTINO CHE HANNO DISTRIBUITO:























KAMUT....
DA LEGGERE QUESTA INTERESSANTE RICERCA CHE CI AIUTA A CAPIRE MEGLIO COSA CI SIA DIETRO AL FENOMENO KAMUT...


Non usiamo il Kamut
Ha buone proprietà nutrizionali ed è eccellente per la pastificazione, ma non è stato “risvegliato” da una tomba egizia e non è adatto ai celiaci.
Inoltre viene coltivato e venduto in regime di monopolio, ha un costo eccessivo ed una pesante impronta ecologica.
“Kamut” non è il nome di un grano, ma il marchio commerciale (come “Mulino Bianco” o “McDonald’s”) che la società Kamut International ltd (K.Int.) ha posto su una varietà di frumento registrata negli Stati Uniti con la sigla QK-77, coltivata e venduta in regime di monopolio e famoso in tutto il mondo grazie ad un’operazione di marketing senza precedenti.
C’è chi chiama questa varietà il “grano del faraone” perché si racconta che i suoi semi sono stati ritrovati intorno alla metà del secolo scorso in una tomba egizia ed inviati nel Montana, dove dopo migliaia di anni sono stati “risvegliati” e moltiplicati (grande bugia).
Il frumento prodotto e venduto con il marchio Kamut è coltivato negli Stati Uniti (Montana) e nel Canada  (Alberta e Saskatchewan), sotto lo stretto controllo della famiglia Quinn, proprietaria della società K.Int.; in Italia è importato solo da aziende autorizzate e può essere macinato solo da mulini autorizzati. Tutti i prodotti che portano il marchio sono preparati e venduti sotto licenza della K.Int e sotto il controllo della Kamut Enterprises of Europe.
Il marketing decisamente efficace che è alla base del successo del Kamut ha fatto leva su tre aspetti: 
la suggestiva leggenda del suo ritrovamento, 
l’attribuzione di eccezionali qualità nutrizionali,
la presunta compatibilità per gli intolleranti al glutine.
Il Frumento orientale o Grano grosso o Khorasan – lo chiamiamo col suo nome tramandato, comune e “pubblico”, mentre Kamut è un nome di fantasia registrato – è una specie (Triticum turgidum subsp. turanicum) appartenente allo stesso gruppo genetico del frumento duro: presenta un culmo (fusto) alto anche 180 cm; ha la cariosside (chicco) nuda e molto lunga, più di quella di qualunque altro frumento; è originario della fascia compresa tra l’Anatolia e l’Altopiano iranico (Khorasan è il nome di una regione dell’Iran); nel corso dei secoli si è diffuso sulle sponde del Mediterraneo orientale, dove in aziende di piccola scala è sopravissuto all’espansione del frumento duro e tenero (vedi studio Ass. Veneta Prod. Biologici).
 



3 commenti:

  1. Gran bella cosa questa dei ragazzi della Skasera Sono contenta di poterli conoscere il 26
    Marisa

    RispondiElimina
  2. Bravi siete la nostra speranza..
    Un abbraccio Michela

    RispondiElimina
  3. Chi mi può dire dove trovare i semi di kamut( sono di roma)?

    RispondiElimina