venerdì 28 ottobre 2011

I FAGIOLI ANTICHI BELLUNESI CONQUISTANO IL MONDO..


ANCHE LE SEMENTI VANNO IN TOURNE'

Quando si parla di “tournè” si pensa subito a un qualcosa che ha a che fare con cantanti, sportivi, alteti.. in questo caso invece a spiccare il volo per mete lontane non è nulla di tutto ciò, ma sono le “sementi antiche bellunesi

Sementi che sono state “riscoperte”, coltivate, scambiate, studiate e catalogate dal Gruppo Coltivare Condividendo, in collaborazione con i Gruppi di acquisto solidale bellunesi, con l' associazione Dolomiti bio e soprattutto con tantissimi cittadini, auto produttori, coltivatori bellunesi
Dopo aver vagato a lungo per la nostra Provincia e toccato una serie di fiere, eventi, manifestazioni venete.. ecco giunto il momento dell'andare più lontano

Qualche giorno fa alcune di loro hanno raggiunto Ferrara e Siena, nel prossimo fine settimana raggiungeranno niente popo di meno che la Bulgaria.
A portarle fin laggiù la delegazione del consorzio del Fagiolo Gialet e di Slow food che raggiungerà la valle di Smilyan per un gemmellaggio tra l'ormai noto fagiolo bellunese e quelli di quella valle del sud della Bulgaria

A loro abbiamo affidato otto varietà antiche bellunesi, fagioli che non sono solo delle sementi ma che rappresentano un modo di approcciarsi all'agricoltura, alla coltivazione, all' auto produzione. Una visione, un modus operandi che ha ripudiato la chimica di sintesi e ha individuato il metodo di coltivazione biologico come il migliore sia per avere dei prodotti sani che per rispettare ambiente, territorio e salute. Biologico che va inevitabilmente di pari passo con la biodiversità, con la filera corta, con una conoscenza e uno scambio di saperi, esperienze, pratiche ed esigenze tra chi coltiva e chi acquista. Non perdendo mai di vita aspetti vitali quali in paesaggio, le relazioni, il turismo sostenibile, l'ecocompatibilità.

Siamo contenti che a portare le sementi bellunesi siano i rappresentanti del consorzio del fagiolo gialet, uno dei pochissimi presidi e consorzi (bellunesi e non) che ha scelto di adottare un disciplinare di coltivazione biologico
Un notevole valore aggiunto per il prodotto e la dimostrazione di una sensibilità verso la nostra terra che non è da tutti

La “tournè” delle sementi bellunesi terminerà il 4 novembre quando verranno esposte al Centro Piero Rossi a Belluno in una serata dedicata alla mostra e allo scambio delle sementi, nonché all'illustrazione dell'azione del Gruppo Coltivare Condividendo
L'appuntamento clou si terrà invece il 26 novemnre quando, all'Istituto Professionale di Stato per l'Agricoltura di Vellai (Feltre-BL) ci sarà l'ormai classico appuntamento “Chiamata a Raccolto” Una giornata ricca di appuntamenti ed eventi
Esposizioni e scambio sementi (che potranno anche essere donate a chi non ne ha da scambiare, per stimolare così l' auto produzione), mostre, dibattiti, banchetti di associazioni, gruppi e realtà provinciali e non
coltivarcondividendo@libero.it - coltivarcondividendo@yahoo.it

Nessun commento:

Posta un commento