venerdì 6 agosto 2010

"Percorso sensoriale bioECOlogico” a RASAI di Seren del Grappa

L’idea di trasformare una classica “sagra” in una vera e propria “festa paesana”, quindi legata al territorio, ai suoi prodotti, tipicità, potenzialità e problematiche.. ci è piaciuta da subito
Ed è anche per questo che abbiamo deciso di accettare l’invito della Pro Loco di Seren del Grappa e portare le nostre istallazioni e il nostro materiale alla “Sagra di Ferragosto”

Domenica 8 agosto (dalle ore 11 alle 20) allestiremo pertanto un “percorso sensoriale bioECOlogico” presso gli impianti sportivi di Rasai di Seren del Grappa

Un “percorso” che è un muoversi attraverso una serie di informazioni, di stimoli sensoriali, di iniziative e proposte legate al mondo dell’ agricoltura biologica (unita però agli altri 2 elementi a cui è vitale si accompagni e ciò biodiversità e km zero)

Inizieremo col dare alcune informazioni sull’agricoltura biologica, che non significa “coltivare senza fare nulla” ma il considerare la pianta un tutt’uno con terreno e ambiente, significa fare dei trattamenti escludendo però ogni prodotti chimico di sintesi Porteremo alcuni di questi prodotti utilizzabili, sia quelli più innovativi che quelli legati alla tradizione (es. i macerati)
Ma non mancheremo di evidenziare (analisi alla mano) i pericoli legati all’agricoltura intensiva/industriale dai tantissimi trattamenti (soprattutto per la salute dei bambini
Immancabili la mostra fotografica sul paesaggio, quella delle sementi antiche e i due progetti ad essa legati.. il “museo diffuso” e il censimento delle varietà di frutta antiche (per il quale abbiamo già coinvolto molte persona e chiederemo la collaborazione di coloro che sono sensibili a queste questioni)
Ma sarà anche possibile assaggiare, degustare e attraverso esperienze gustative e tattili percepire la differenza che vi è tra prodotto locale biologico e prodotto industriale

Una “percorso” che non è un qualcosa di preconfezionato ma che costruiremo attimo dopo attimo con tutti coloro che decideranno di attraversarla ed arricchirla con loro considerazioni, conoscenze, esperienze, sensazioni e critiche
Ampio spazio verrà dedicato ad esposizione di prodotti locali biologici in primis pane, fragola, verdura
Crediamo molto in questi momenti di condivisione e costruzione dal basso, come crediamo nelle enormi potenzialità del biologico (sempre legato a biodiversità e km zero) in questa nostra Provincia. Folle è inseguire, scimmiottare, modelli di cosiddetto sviluppo che hanno già provocato danni ingenti altrove (con guadagni per pochi a scapito di molti) ed. Val di Non

Invitiamo tutti a partecipare a questo percorso condiviso durante il quale non mancheremo di illustrare l’importante progetto di “certificazione biologica semplificata”

Il “percorso bioECOlogico” itinerante vede la collaborazione :

Gruppo Coltivare Condividendo - Ass. Dolomiti bio (ass. produttorio biologici bellunesi) - Biobrother’s - la SKasera

Nessun commento:

Posta un commento